fdm

  • Le diverse Tecnologie di Prototipazione Rapida permettono di fabbricare parti e prodotti senza limitazioni, grazie anche all'ampio range di materiali disponibili sul mercato che consentono il superamento delle tecnologie convenzionali di “manifattura sottrattiva”.

    Hai bisogno di ulteriori informazioni? Contattaci.

  • Quando ha senso passare da un filamento termoplastico a una resina fotosensibile? E quali resine scegliere?

    Il limite dimensionale minimo della stampa a filamento può essere superato con la tecnologia SLA.
    La stereolitografia permette di ottenere oggetti con massima risoluzione e precisione, dettagli chiari e finitura superficiale più liscia (i livelli di stratificazione sono appena visibili) rispetto alle altre tecnologie di stampa 3D.
    Esistono diverse tipi di resine fotosensibili, ognuna con particolari caratteristiche ottiche, meccaniche e termiche che le rendono adatte alle applicazioni industriali. Accanto alle proprietà meccaniche e termiche, per le resine va sempre considerata la compatibilità ai solventi. Ogni resina avrà anche un range di risoluzioni supportate.

  • La tecnologia di stampa a filamento, anche nota come FFF (Fused Filament Fabrication), permette ad un filamento plastico di passare attraverso un estrusore che, portato ad alta temperatura, rende il materiale fluido e lo deposita sul piano di stampa secondo uno schema di linee che costituiscono gli strati (layer) che vengono sovrapposti ai precedenti.

    L’attuale "must" per questa tecnologia è il doppio estrusore che permette di combinare materiali tecnici o un materiale tecnico con un materiale di supporto idrosolubile per una facile rimozione in acqua degli stessi supporti.

    Applicazioni comuni:

    • Prototipi Funzionali per test di forma e funzionalità.
    • Prototipi Estetici.
    • Produzione a basso volume di parti ad uso finale.

    Scegli il materiale più adatto

  • ll gruppo FCA festeggia i 120 anni di carriera al Salone di Ginevra presentando la Centoventi Concept, una concreta anticipazione di come potrebbe evolversi la Panda.

    L'obiettivo è quello di "democraticizzare" la propulsione elettrica e le nuove tendenze, ma è evidente anche l'approccio pensato per il car sharing e per le flotte, con un veicolo già predisposto per integrare i servizi digitali necessari e per essere personalizzato a basso costo secondo le esigenze delle clientela.

  • La crescente diffusione di stampanti 3D a filamento (FFF) è accompagnata dalla disponibilità di nuovi materiali utilizzabili per la stampa.
    In questa esauriente guida trovate le principali caratteristiche dei polimeri più diffusi, ponendo particolare attenzione alle caratteristiche meccaniche e termiche al fine di selezionare il più opportuno per ogni applicazione. Parallelamente alle più comuni specifiche tecniche, in catalogo si trovano anche materiali resistenti chimicamente, conduttivi o antistatici.

  • I materiali "Electro Static Discharge Safe" (ESD) riducono l'elettricità statica (accumulo superficiale e localizzato di cariche elettriche su di un corpo composto da materiale isolante) e vengono quindi impiegati per proteggere i dispositivi sensibili alle scariche elettrostatiche.

  • Una nostra recente indagine ha evidenziato la crescente richiesta di polimeri ad elevate prestazioni, per applicazioni sempre più specifiche.

    Mentre la quasi totalità delle richieste fa riferimento a tecnopolimeri standard o rinforzati, lavorabili dalla maggior parte delle stampanti desktop FDM professionali presenti sul mercato, cresce anche l’interesse per i polimeri ad elevate prestazioni che dovrebbero operare in situazioni critiche (alte temperature, radiazioni, stress elevati).